Infedeltà coniugali, attenzione ai Mi Piace in rete. L’esperto: “il 50% dei tradimenti si consuma su Internet”

“Con le nuove tecnologie stanno aumentando a dismisura le infedeltà coniugali virtuali, che molto spesso diventano reali, attraverso i social o i network o i numerosi siti di incontri”.

Gli italiani sono sempre più infedeli. Com’è riscontrato dalle cause di separazione e divorzio, la metà degli incontri extraconiugali o comunque delle infedeltà di coppia, si consuma in rete che è ormai diventato il luogo di infedeltà per eccellenza.

In questi anni si registra un aumento consistente di cause per infedeltà coniugale virtuale (che spesso diventa reale) che sono diventate il 30% del totale annuale in cui gli avvocati producono le copie delle chat incriminate, con tanto di foto a luci rosse, messaggini amorosi, e una serie infinita di emoticon con cuoricini di vario tipo e forma che spesso accompagnano o sostituiscono i messaggi veri e propri. Lo dichiara Gian Ettore Gassani, Presidente di AMI (Associazione Avvocati Matrimonialisti Italiani).

“Ormai uomini e donne, mariti e mogli tradiscono con grande facilità e usando le stesse tecniche. Anche un solo flirt virtuale o un corteggiamento in chat, anche senza arrivare a vie di fatto, può costare caro sia per l’addebito della separazione che per eventuali azioni di risarcimento dei danni per infedeltà coniugale – prosegue Gassani – I giudici sono chiamati, di volta in volta, a verificare il contenuto dei messaggi in chat per comprendere bene dove finisca la giovialità ed invece inizi un corteggiamento vero e proprio tale da configurarsi come una infedeltà virtuale o il tentativo di un approccio vero e proprio e quindi di un appuntamento”.

Come ho riportato nel mio libro PORNO TOSSINA, tanti preferisco rifugiarsi nelle fantasia di una relazione virtuale invece che lottare per una vera relazione.

Fonte: Il Gazzettino.it

L’articolo Infedeltà coniugali, attenzione ai Mi Piace in rete. L’esperto: “il 50% dei tradimenti si consuma su Internet” proviene da PornoTossina.

https://www.pornotossina.it/2019/03/01/infedelta-coniugali-attenzione-ai-mi-piace-in-rete-lesperto-il-50-dei-tradimenti-si-consuma-su-internet/

https://www.pornotossina.it

Porno online: Agghiaccianti statistiche 2018. Aumentano le donne…

Il 2018 sta volgendo al termine e, come consueto, PornHub (uno dei maggiori portali di produzione e distribuzione di pornografia online) ha rilasciato le agghiaccianti statistiche.

L’ossessione per il porno “hard-core” nel mondo continua a crescere a dismisura e crediamo necessaria un’analisi di quello che sta accadendo nella nostra società.

Iniziamo dicendo che PornHub ha ricevuto 33,500,000,000 visite nel 2018. 13,7 milioni in più rispetto al 2017. Il porno online non è mai in crisi.  Una media di 92 milioni di visite al giorno… la popolazione del Canada, Polonia e Australia. 30 miliardi di ricerche, 962 ricerche al secondo.

Quasi 5 miliardi di video caricarti, 1 milioni di ore di video disponibili.

Pazzesco… vero? PornHub ci da una prospettiva anche più spaventosa.

Ogni minuto:

– 207405 video visti;
– 57750 ricerche;
– 63992 visitatori;
– 12 video caricati con almeno 2 ore di contenuti;
– 22 commenti;
– 122 messaggi inviati;

Ogni minuto 10500 ore di materiale pornografico visualizzato nel mondo. C’è ancora qualcuno che pensa che la pornografia non è stata “normalizzata” nella nostra società?

Gli Stati Uniti continuano ad essere il Paese con il più alto traffico giornaliero verso Pornhub, seguito da Regno Unito, India, Giappone, Canada, Francia e Germania.

L’Italia raggiunge l’ottava posizione superando l’Australia (nel 2017 eravamo alla nona posizione). La durata media di una visita è di 10 minuti e 13 secondi, in aumento rispetto al 2017. L’età media è di 35 e mezzo. Gli utenti tra i 18 e i 34 anni generano il 61% del traffico.

Gli utenti vanno anche a caccia di contenuti che non riguardano solo donne e uomini in carne e ossa ma personaggi di fumetti e serie TV: Harley Quinn, Elastigirl, Gli Incredibili, Star Wars, i Griffin. I fenomeni del 2018, però, riguardano i videogiochi. Il primo è Bowsette, personaggio femminile di Nintendo, è stata cercata quasi 35 milioni di volte. Il secondo è Fortnite.

Ogni volta che questi video-giochi rilasciano dei nuovi personaggi, gli utenti li cercano su un sito porno. Videogiochi spesso per bambini e adolescenti. Ricordiamo infatti (dati di Convenant Eyes) che 8 minori su 10 cercano pornografia abitualmente prima dei 18 anni. Un dato che PornHub non potrà mai darci dato che la pornografia è tecnicamente illegale per i minori in molte nazioni del mondo, Italia compresa.

La giornata dove si è guardato meno porno in Italia è il ferragosto (-22%), mentre a San Valentino c’è stato un aumento del 7%. 

Il cellulare è il dispositivo principale dove si cerca pornografia (68% in Italia). Una costante disponibilità che porta ad una grande epidemia. Immaginate un tossicodipendente con una dose di eroina disponibile sempre in tasca. 

Come ho preannunciato nelle tante conferenze in giro per il mondo, le statistiche che riguardano le donne stanno aumentando. Dal 23% al 29% in Italia. Un nuovo studio statunitense esamina l’uso della pornografia tra i giovani. 91-99% i ragazzi e 60% le ragazze. 

TERMINI RACCAPRICCIANTI

I termini ricercati sono raccapriccianti. L’industria pornografica non ha limiti quando si tratta di “disumanizzare” e “sfruttare”. La categoria “Hentai” nello specifico, capitalizza su fantasie animate illecite che coinvolgono bambini, adolescenti, animali ecc. Categorie come MILF, Mamma, Matrigna ecc. normalizzano l’incesto. La categoria “teen” (adolescente) normalizza la pedo-pornografia e la pedofilia. 

Tutto quello che è considerato “inaccettabile” nella nostra società, diviene normale nella pornografia online. La domanda che dobbiamo spesso porci: “la linea che divide le fantasie dall’azione è veramente così spessa come ci raccontano? Io credo di no. 

Il porno glorifica l’abuso, il degrado e la violenza. Il porno non ha riguardi alla dignità umana. Il porno rende le persone degli oggetti per un piacere personale egoista. 

CONSIDERAZIONI FINALI

Nel 2018 il porno online è divenuto ancora più accessibile, normale e “mainstream”. Purtroppo non ci sarà un limite a tutto questo se non agiamo con una “contro-rivoluzione” che parte da me, da te, dai tuoi amici e dalla tua famiglia.

Lottiamo… condividendo le informazioni sugli effetti nocivi del porno sulla nostra mente, relazioni e società. Non restiamo passivamente in silenzio davanti a tutto questo. Se non adesso, quando?

A presto
Antonio Morra

STATISTICHE 2017

https://www.pornotossina.it/2018/12/15/porno-online-agghiaccianti-statistiche-2018-aumentano-le-donne/

https://www.pornotossina.it

La Croce – Il messaggio di Billy Graham all’Italia

Film  – La Croce – Il messaggio di Billy Graham all’Italia (film completo)

Ragazza 18enne stupra due bimbi di 2 e 3 anni in asilo nido: sul suo pc centinaia di foto pedopornografiche

LONDRA – Dentro il suo computer c’era tutto l’inferno di perversioni sessuali che le aveva da tempo annebbiato la mente fino a farla precipitare nell’abisso e a farla diventare la più giovane donna pedofila mai condannata nel Regno Unito. Gli stessi agenti di polizia che hanno esaminato il suo pc non riuscivano a credere ai loro occhi quando hanno trovato le prove materiali che confermavano i loro sospetti: Sophie Elms, una insospettabile 18enne che lavorava in un asilo di Swindon nel Wiltshire, in Gran Bretagna, aveva non solo scattato e distribuito foto pedopornografiche in cui erano ritratti bambini piccolissimi, ma aveva abusato sessualmente di almeno due bimbi di due e tre anni er oltre un anno, dal dicembre 2016 al marzo 2018. Come se non bastasse, la sua collezione comprendeva un vasto campionario di foto a carattere zoofilo.

Ovviamente l’identità dei bimbi coinvolti in questa vicenda non è stata svelata, ma comunque non si tratta di bambini dell’asilo in cui lavorava la ragazza. Licenziata e arrestata, Sophie non ha potuto fare altro che confessare e dichiararsi colpevole: i giudici della Swindon Crown Court che l’hanno condannata comunicheranno l’entità della pena il 4 gennaio durante l’udienza conclusiva.

Cosa abbia portato una ragazza così giovane (Sophie aveva 16 anni quando cominciò ad abusare dei piccoli) a fare dei gesti così pazzeschi? 

La pornografia satura il nostro cervello fino a desiderare cose estreme. Non sono pochi i casi dove, iniziando da cose più “innocue”, si arriva a guardare le categorie più oscure. 

La pornografia è ricca di violenza, abusi, incesti… allena il nostro cervello a “disumanizzare” gli altri, rendendo il corpo solo un oggetto da usare e/o abusare. 

Preghiamo per Sophie, per i bimbi e le loro famiglie. Che Dio possa restaurare una situazione così disastrosa. 

Antonio Morra

https://www.pornotossina.it/2018/10/27/ragazza-18enne-stupra-due-bimbi-di-2-e-3-anni-in-asilo-nido-sul-suo-pc-centinaia-di-foto-pedopornografiche/

https://www.pornotossina.it

Church Planting Conference 2018 – PEF

VISITA QUESTO LINK PER MAGGIORI INFORMAZIONI

L’articolo Church Planting Conference 2018 – PEF proviene da Federazione delle Chiese Pentecostali.

Conferenza TRUE LOVE, Centro Uria, relatori Mike Genung, Antonio Morra,Brittni De La Mora

Se non eri presenti alla conferenza TRUE LOVE puoi ascoltare la storia di Brittni De La Mora “da pornostar a Cristo”
Finalmente disponibili i video delle III sessioni principali durante la Conferenza TRUE LOVE
21-22 Settembre Centro Uria

Relatori:
Mike Genung (I Sessione)
Antonio Morra (II Sessione)
Brittni De La Mora (III Sessione)


 

The Mission: è l’ora di Credere! Con Gary Wikerson

In occasione dei 20 ANNI della missione AMEN ONLUS nel mese di ottobre, ci saranno più di un evento celebrativo, con la PARTECIPAZIONE SPECIALE DEL PAST. GARY WILKERSON. L’associazione AMEN ONLUS è onorata di poter ospitare un servo di Dio stimato e riconosciuto a livello internazionale.

SAVE THE DATE:
– 16 OTTOBRE 2018 – Seminario pastorale Chiesa Alfa&Omega (Roma)
– 19 OTTOBRE 2018 – Seminario pastorale Chiesa Nuova Pentecoste (Aversa)
– 20 OTTOBRE 2018 – Big Event Teatro PALAPARTENOPE (Napoli)




L’articolo The Mission: è l’ora di Credere! Con Gary Wikerson proviene da Amen ONLUS.

TRUE LOVE, LA CONFERENZA NAZIONALE su relazioni, sessualità

Siamo lieti di invitarti a partecipare ad una conferenza unica nel suo genere: La prima conferenza Nazionale su relazioni, sessualità e pornografia.

Non esitarci a conttatare: info@conferenzatruelove.it – 081 18558286
Perchè TRUE LOVE (VERO AMORE)?

Sentiamo l’urgenza di informare, sfidare e formare gli adolescenti, i giovani, i genitori, gli educatori, i responsabili e i pastori su tematiche di estrema importanza.

Le statistiche sono agghiaccianti e rivelano quanto la nostra società si stia dirigendo in un baratro senza fine. MindGeek (uno dei maggiori produttori di pornografia) ha rilasciato le statistiche dell’anno appena concluso. 28,5 miliardi di visite all’anno, che tradotto fa 81 milioni di persone al giorno. I visitatori si trovano nella maggior parte nella fascia d’età 18-24 e 25-34. Bambini, in Italia, che già ad 11 anni iniziano a guardare pornografia online.

Grazie al cosiddetto divorzio breve, introdotto dalla legge 55 del 6 maggio 2015, il numero dei divorzi è notevolmente aumentato in Italia, rispetto agli anni precedenti: del 57%.

Aumentano tra gli adolescenti e giovani i rapporti prima del matrimonio e la promiscuità. Un aumento del 33%.
Non possiamo rimanere in silenzio

Un quadro che ha bisogno di una risposta decisa e concreta da parte della chiesa in Italia… da questo nasce l’idea di una conferenza che affronta tali problematiche considerate spesso tabù.

  • Tre incontri (sessioni) principali
  • Seminari specifici per adolescenti & giovani, genitori & educatori, responsabili & pastori di chiesa
  • Servizio ristorazione, bar e intrattenimento per bambini

PROGRAMMA CONFERENZA
Ingresso Gratuito
Venerdì 21 Settembre 2018

19:30 Prima Sessione
21:30 Ristorazione – Bar Centro Uria

Sabato 22 Settembre 2018

10:30 Seconda Sessione
13:00 Pranzo: €10 Adulti – 5€ bambini (prenotarsi presso la nostra segreteria)
17:00 Seminari/Workshop
-Adolescenti e Giovani
-Genitori e Educatori
-Responsabili di Chiesa e Pastori.
19:30 Terza Sessione
21:30 Serata Pub (prenotarsi presso la nostra segreteria)

Sarà disponibile per tutte le sessioni principali, intrattenimento per bambini sotto i 12 anni.



L’articolo TRUE LOVE, LA CONFERENZA NAZIONALE su relazioni, sessualità proviene da Pornotossina.it.

Ho visto pornografia a 6 anni.. ecco che cosa è successo alla mia vita

Liz Walker aveva solo sei anni quando una ragazza più grande di lei si schiacciò accanto a lei sullo scuolabus e sussurrò eccitata “Ehi, vuoi vedere qualcosa?” Era una rivista pornografica che aveva trovato sotto il letto di suo fratello.

“Ho sentito questo senso di disgusto, ma anche di eccitazione”, ricorda la Walker. “Sono stata catapultata in una consapevolezza della mia sessualità per la quale non ero pronta. Nel mio cervello di sei anni ho pensato che fosse quello che dovevi fare per essere notata.”

Liz ha iniziato a guardare porno ogni pomeriggio dopo la scuola e a provare quello che vedeva con gli altri bambini. Ha perso la verginità a 12 anni, e ha avuto più partner sessuali durante la sua adolescenza.

“Cercavo le interazioni sessuali dovunque potessi, perché ero condizionata a pensare che fosse quello che facevano le donne”, ricorda la Walker. “Ho avuto la reputazione di una poco di buono fin da un’età molto giovane.”.

Finì per bere alcolici e drogarsi per coprire il suo “deficit emotivo”, e trascorse i suoi ultimi anni dell’adolescenza dentro e fuori dai reparti psichiatrici.

E tutto lo attribuisce a quella fatidica mattina sul bus della scuola. “Prima di quello non avevo mai avuto consapevolezza sessuale, vivevo in un ambiente domestico sano, e non c’erano altri fattori che contribuivano”.

La signora Walker, che ora è una rispettata direttrice dei programmi di educazione sessuale per i giovani, avverte che ci sono bambini il cui cervello viene ri-cablato dalla loro esposizione al porno, la cui intera comprensione del sesso è il porno, e che pensano che sia giusto essere violenti con le donne.

“So cosa vuol dire a sei anni vedere cose e pensare di finire nei guai se ne parli”, ha detto la signora Walker.

“Abbiamo già una generazione di bambini che vedono il degradante sesso violento come la norma – privo di connessione, intimità e amore.”.

Il Senato sta attualmente conducendo un’indagine sul danno arrecato ai bambini australiani attraverso l’accesso alla pornografia su Internet.

L’amministratore delegato della Australian Childhood Foundation, Joe Tucci, ha affermato che la facile accessibilità della pornografia crea una generazione di bambini con problemi legati alla sessualità.

Il dott. Tucci ha detto che bambini di sei anni sono esposti al porno online, sia per sbaglio, sia come parte di un processo di educazione, o da amici o da fratelli più grandi. “Sono troppo giovani per capire cosa significa”.

“Il porno mostra una dimensione del sesso non veritiera e i messaggi che lo accompagnano sono tutti sbagliati, sono messaggi sul potere e la sottomissione e la natura della mascolinità, creano una visione distorta di quali sono e devono essere le relazioni”.

I bambini provenienti da contesti vulnerabili sono più suscettibili di essere influenzati dal porno. “Qualcosa in loro non è giusto o non viene curato, e il porno soddisfa quel qualcosa. Non cercano esplicitamente porno, ma poi lo vedono per caso e questo inizia ad attivare le cose in loro”.

Gli adulti devono capire che il pericolo he i bambini stanno affrontando. “Li abbiamo abbandonati in un mondo adulto”. “Abbiamo creato una tecnologia che ha reso il porno accessibile ai bambini e non siamo interessati all’impatto che sta avendo.”

Fonte: The Sidney Morning Herald

https://www.pornotossina.it/2018/08/03/ho-visto-pornografia-a-6-anni-ecco-che-cosa-e-successo-alla-mia-vita/

https://www.pornotossina.it

Le Fantasie Porno del Mio Partner Hanno Lacerato il Nostro Rapporto [Una Storia Vera]

La mia storia non si è sviluppata dall’oggi al domani. All’inizio, la nostra vita sessuale andava alla grande, o almeno così pensavo.

Sapevo che guardava porno sul suo cellulare, ma facevo finta di nulla. Dopo circa 6 mesi dall’inizio della nostra relazione, abbiamo introdotto il porno nella nostra camera da letto. Sai, qualcosa per “ravvivare la nostra vita sessuale”. Anche se non ero così sicura del motivo per cui dovesse essere “ravvivata” … Anche perché facevamo sesso quasi ogni giorno.

Non appena il porno è entrato nella nostra camera da letto, la nostra vita sessuale è diminuita e non è mai stata più la stessa.

Sentivo che dovevo essere di mentalità aperta e volevo compiacerlo al massimo delle mie capacità. Eppure, mi sono trovata in situazioni degradanti, più volte. Poi sono arrivati i “giocattoli”. Poi arrivarono le chiacchiere sporche e le urla di piacere irrealizzabili. E poi arrivò il segreto della sua fantasia sui “trans”.

Adesso siamo arrivati al punto che non facciamo sesso senza porno. Non riesce a mantenere un’erezione senza guardare porno.

Il suo appetito sessuale è aumentato di 10 volte e si aspetta che io sia sempre pronta a soddisfarlo quando ha voglia. Ormai guarda porno (con o senza di me) fino a 5 volte al giorno. Una volta sono tornata a casa dal lavoro e ho trovato mio marito che guardava porno, e lui si è anche arrabbiato con me, perché non mi sono strappata i vestiti e unita a lui.

Ora ho scoperto che frequenta un portale dove interagisce sessualmente con dei trans tramite webcam. A questo punto, è troppo per me. Ogni volta che provo ad oppormi, mi dice che sono troppo chiusa mentalmente.

Non penso di esserlo. Sento di essere usata. Non solo, trovo che la questione della webcam sia un vero tradimento. C’è un’interazione reale, in tempo reale. Anche se non lo fai fisicamente dal vivo, ma stai tradendo il tuo partner.

Vorrei che non avessimo mai introdotto il porno nella nostra vita sessuale. È stata la fine dei miei sentimenti e della nostra vita sessuale ed ho paura che sarà la fine anche del nostro matrimonio.

-G.

SODDISFAZIONE A BREVE TERMINE A SCAPITO DELL’IMPATTO A LUNGO TERMINE

Hai mai sentito qualcuno dire che il porno può aiutare a migliorare le relazioni sentimentali? O che il porno è un ottimo modo per scaldare una relazione e aumentare il legame tra i partner? L’argomentazione spesso è questa: “La pornografia non ti darà il verso sesso, ma può rendere migliore la tua esperienza con il sesso realte”.

Ma è vero?

La risposta appare diversa a seconda che guardiamo a risultati a breve o a lungo termine.

In apparenza, il porno potrebbe sembrare una scintilla immediata per l’eccitazione e la novità… almeno all’inizio. Questo è esattamente ciò che gli studi mostrano. “Gli effetti positivi del porno” sulle relazioni sono solo iniziali e superficiali. Ad esempio, uno studio recente ha scoperto che le coppie che guardano porno insieme riportano di essere più “sessualmente soddisfatte” di quelle che non guardano video porno – sottolineando, come abbiamo appena detto, che la “novità” del porno può infiammare la loro vita sessuale. [1]

Un fattore chiave in tutto questo è la durata della relazione. Molti studi che hanno riportato gli effetti positivi del porno per le coppie hanno studiato i partecipanti che si trovano in relazioni di breve durata. Con l’aumentare della durata e della profondità della relazione, aumentano anche gli effetti negativi del consumo di materiale pornografico per molte coppie.

Ma cosa significa? Cosa succede esattamente al romanticismo delle coppie che consumano porno a lungo termine? Gli studi dipingono un’immagine molto diversa. Mostra che il consumo di pornografia abbassa la soddisfazione nelle relazioni, la vicinanza emotiva e la soddisfazione sessuale. [2]

Ecco alcuni esempi da diversi gruppi di ricerca:

Uno studio del 2012 di Amanda Maddox e del suo team ha concluso che le persone che non hanno mai visto materiale sessualmente esplicito hanno riportato una qualità di relazione superiore (su ogni misura) rispetto a coloro che lo hanno visto. [3]

Un nuovo studio pubblicato nel 2017 ha esaminato l’impatto sulle coppie in cui un partner consuma più materiale pornografico dell’altro (situazione molto comune oggigiorno). I ricercatori hanno concluso che: “maggiori discrepanze tra i partner nell’uso della pornografia erano correlate a minore soddisfazione della relazione, minore stabilità, comunicazione meno positiva e più aggressività relazionale.” [4]

CONSIDERA PRIMA DI CONSUMARE

Le relazioni vere sono costituite da persone reali attratte l’una dall’altra in modi autentici e genuini.

Nella società di oggi, il porno è considerato completamente normale e naturale, ma la ricerca scientifica ci mostra costantemente gli effetti negativi del porno. Il mondo potrebbe considerare il porno come intrattenimento innocuo, ma i risultati mostrati dalla scienza e dalla ricerca non sono d’accordo. Lo sfruttamento sessuale e l’oggettivazione non sono salutari per i consumatori e per la società – le relazioni basate sull’amore e sul rispetto sono ciò che alla fine conta, e questo è ciò per cui lottiamo.

METTITI IN GIOCO

Impegnati a combattere lo sfruttamento sessuale. CONDIVIDI questa storia e mostra il sostegno a questa coraggiosa ragazza che ha parlato di una questione molto importante e straziante che troppe persone affrontano regolarmente.

Note:

[1] Frederick, D. A., Lever, J., Gillespie, B. J., & Garcia, J. R. (2017). What Keeps Passion Alive? Sexual Satisfaction Is Associated With Sexual Communication, Mood Setting, Sexual Variety, Oral Sex, Orgasm, And Sex Frequency In A National U.S. Study. The Journal Of Sex Research, 54(2), 186-201. Doi:10.1080/00224499.2015.1137854

[2] Wilson, G. (2013). Studies Linking Porn Use Or Porn/Sex Addiction To Sexual Dysfunctions, Lower Arousal, And Lower Sexual & Relationship Satisfaction; Retrieved From Https://Www.Yourbrainonporn.Com/Studies-Reported-Relationships-Between-Porn-Use-Or-Porn-Addictionsex-Addiction-And-Sexual

[3] Maddox, A. M., Rhoades, G. K., & Markman, H. J. (2011). Viewing Sexually-Explicit Materials Alone Or Together: Associations With Relationship Quality. Archives Of Sexual Behavior40(2), 441–448. Http://Doi.Org/10.1007/S10508-009-9585-4

[4] Willoughby, B. J., Carroll, J. S., Busby, D. M., & Brown, C. (2016). Differences In Pornography Use Among Couples: Associations With Satisfaction, Stability, And Relationship Processes. Archives Of Sexual Behavior, 45, 145-148, Doi: 10.1007/S10508-015-0562-9

https://www.pornotossina.it/2018/07/30/le-fantasie-porno-del-mio-partner-hanno-lacerato-il-nostro-rapporto-una-storia-vera/

https://www.pornotossina.it